Abbiamo bisogno di Vangelo. Abbiamo bisogno di aiutarci a rileggere questo tempo e le sue insidie ma aiutati dal Signore e dalla sua Parola. E così questo tempo diventa un’opportunità da sfruttare… una grazia da accogliere, un’occasione da non sprecare. Dentro tanto dolore la Luce del Signore vuole rischiararci: la sua Parola è lampada ai nostri passi!

Per questo periodo proponiamo alle coppie questi appuntamenti.

Domenica 11 ottobre 2020 alle ore 21 sul sito www.diocesidicremona.it i coniugi OREGLIA (che già avevamo conosciuto in una Giornata della famiglia) ci aiuteranno a rileggere in chiave di coppia e di famiglia alcuni spunti del Vangelo (li prenderanno dai testi che il Vescovo ci ha proposto per questo anno pastorale e precisamente da Matteo 24-25). Per chi vuole ci troviamo in oratorio (pizza alle ore 19.30) e ascoltiamo insieme la loro riflessione. Cercheremo di farlo osservando le regole sanitarie.

Ma è anche possibile ritrovarsi nelle case (due o tre coppie insieme): e in gruppetti di famiglie amiche dopo un apericena mettersi in ascolto, in tranquillità e sicurezza. Sarà bello poi un breve confronto, qualche veloce scambio. Siamo convinti che il Vangelo e l’esperienza vissuta in famiglia possono sempre più intersecarsi e generare un futuro pieno di speranza. Ma serve anche uno spazio di riflessione, un consentire al Signore di riscaldare i nostri cuori e ridare motivazioni alle nostre giornate.

Poi ci troveremo con il Vescovo nella Visita pastorale. Dal 16 al 18 ottobre il Vescovo sarà con noi. Oltre alle varie celebrazioni, sarà bello incontrarlo sabato 17 ottobre in palestra alle ore 16.30. Abbiamo bisogno di momenti sereni, in cui la Buona Notizia del Vangelo faccia da collante tra di noi.

L’incontro con i coniugi Oreglia prosegue anche domenica 8 novembre alle 21, sempre sul sito della diocesi www.diocesidicremona.it. Con le medesime modalità. Chi vuole in oratorio, chi vuole nelle case… Questa volta sarà possibile interagire con loro, inviare domande, lasciarci coinvolgere ancor più attivamente. Sarà una seconda tappa, un approfondimento anche per mezzo di pensieri e provocazioni che dalle case e dagli oratori arriveranno.

Ti chiediamo di partecipare. Ti chiediamo di inviare qualche coppia di amici. Ci piacerebbe non fosse solo un invito tramite i social… diamoci il tempo di invitare personalmente qualche coppia di amici. Osiamo anche qualche contatto con coloro che da un po’ di tempo non vediamo. Inventiamo qualche piccola strategia per riannodare qualche filo che si è spezzato.

Il papa ci dice che se la Chiesa non è in uscita (un andare incontro) è una chiesa asfittica, moribonda. C’è del bello nell’essere una comunità aperta, un condividere la passione del Signore nel darci appuntamenti… nel cercare ancora e di nuovo il camminare insieme.

Lucia, Marco, Desirée, Maria Grazia, Roberto, Marco, Arianna, Paola, Michele,

don Pierluigi, Don Enrico

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •