UN INCONTRO COMUNITARIO PER LA PREPARAZIONE SPIRITUALE E PASTORALE

Come annunciato il vescovo Antonio sarà nella nostra comunità i giorni 13,14 e 15 marzo p.v. per regalarci la sua visita pastorale con gli obiettivi principali di ascoltare i sacerdoti e la comunità, annunciare il Vangelo per aiutarci a diventare una comunità di discepoli-missionari e accompagnare i vari processi di rinnovamento pastorale in corso, anche nelle collaborazioni con il territorio.

E’ un evento davvero non ordinario, non capita tutti gli anni e sarebbe bello vivere insieme un’ampia partecipazione da parte di tanti parrocchiani perché la nostra appartenenza alla Chiesa e le relazioni nella comunità si rinsaldino, ma anche perché ciascuno possa ricevere sostegno e conferma nella vita personale di fede; e poi abbiamo l’aspettativa di rimotivarci nelle varie aree di impegno pastorale della comunità a fronte delle difficoltà che incontriamo e di rivitalizzare la vita comunitaria con tutte le sue attività.

Presso l’ingresso della chiesa, in oratorio e sul nostro sito possiamo già vedere il programma della visita così possiamo fissare le date prevedendo di riservare un po’ di tempo agli appuntamenti della visita, soprattutto possiamo prepararci spiritualmente a incontrare il nostro Pastore.

A questo scopo siamo tutti invitati all’incontro unitario che terremo

Domenica 9 febbraio p.v. in oratorio dalle ore 16 alle 18:30

Condividiamo sin d’ora la SCHEDA BIBLICO-PASTORALE che utilizzeremo nei gruppi di riflessione in questo incontro dal quale cercheremo di individuare le parole-chiave che descrivono lo stato d’animo e le speranze, le preoccupazioni e le gioie, le questioni non risolte e le domande, tutto quello che ci sta a cuore per la nostra comunità.

L’incontro è aperto a tutti nella comunità, l’amore e l’appartenenza alla Chiesa si esprime anche attraverso una fraterna riflessione per accogliere adeguatamente il Pastore che, come gli Apostoli con le prime comunità, viene a visitarci per rafforzare la nostra fede di discepoli di Cristo e sostenerci nel cammino pastorale da missionari.

Ma è anche l’occasione per dirci come ci vediamo in quanto comunità, come siamo nelle nostre relazioni e rivedere quanto stiamo facendo nelle aree pastorali; servirà il contributo di tutti, soprattutto di chi pur non ricoprendo incarichi o servizi particolari, si sente parte della parrocchia nella fede che ci unisce.

 

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •