Come ci siamo sentiti in questo evento? in famiglia?

  • E’ una roba davvero importante, non pensavo di commuovermi così dopo tanti anni.
  • Anche noi non pensavamo che potesse dare un’emozione così forte, anche a nostro figlio, per certi versi persino un po’ ridicolo: la sera e la notte è stato un viavai, un continuo alzarsi, e poi quel giorno gli abbiamo visto l’emozione negli occhi e nel cuore, vuol dire che qualcosa è entrato, non è stata una semplice celebrazione
  • Mio figlio molto felice e tranquillo, sembra quasi non sapesse bene cosa andava a fare
  • Molto contento e agitato, una tappa importante della sua vita, noi abbiamo cercato di assecondarlo, in particolare la madrina è stata brava nell’aiutarlo a comprendere come può rendersi conto un ragazzo della sua età

E adesso cosa succede?

  • Spero che andando avanti trovi un sacco di esperienze e un sacco di persone con le quali possa crescere nella fede e anche non nella fede, ma che non sprechi la sua vita, non rimanga spettatore
  • Sarei contenta se continuasse su questa strada e in questo senso lo aiuterò
  • Spero che le cose vadano avanti, che ci siano ancora incontri e continuino a ritrovarsi in oratorio, è una bella compagnia di ragazzi, lo spero per lui e anche per me
  • Mi auguro che si vada avanti, vengano coinvolti e si facciano coinvolgere in progetti, ad esempio in affiancamento ai bambini piccoli per portare a loro il messaggio, e in belle esperienze come quella di Loppiano perché lasciano il segno

Abbiamo partecipato con i nostri figli all’incontro dei cresimandi/cresimati con il Vescovo al PalaRadi: sono eventi importanti, la forza che può dare una iniziativa come questa è eccezionale,  è una lampadina accesa per i nostri figli perché possano fare della propria vita un capolavoro, come dice papa Francesco, sentendo la testimonianza e vedendo l’esempio da altri insieme ai coetanei così numerosi ed entusiasti, non c’è bisogno di essere eroi straordinari per vivere la vita e questi incontri sono importanti per questo.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •